Lo psichiatra Vittorino Andreoli riscrive un classico della letteratura, e dimostra che la storia del burattino è ancora attuale

Lo psichiatra Vittorino Andreoli si interroga su quanto abbia ancora da dire e insegnare a bambini e genitori Pinocchio, il capolavoro di Collodi, in un’edizione pubblicata da BUR Rizzoli, nella collana I grandi classici riscritti.

Vittorino Andreoli Pinocchio

La storia del burattino di legno che vorrebbe essere un bambino ha appassionato molteplici generazioni, ed è ancora attuale. Ed è proprio quello che Andreoli vuole dimostrare nella sua riscrittura di questo classico della letteratura adatto a grandi e piccoli, applicando nel farlo le sue conoscenze da psichiatra e la sua passione per la narrazione (ha già pubblicato, tra gli altri, sempre con BUR, Le nostre paure e Il denaro in testa).

L’autore racconta la storia del burattino da capo, svelandone le metafore e adattandola al mondo contemporaneo, per mantenerla ancora più viva. Pagina dopo pagina, Pinocchio, Mastro Geppetto, il Grillo parlante, la Fata turchina, il Gatto e la Volpe e gli altri personaggi restituiscono l’opera di Collodi con una freschezza nuova, che possa ben adattarsi alle sfide educative di oggi.

Commenti