In equilibrio tra favola e inchiesta, "Vivi da morire" racconta di eroi conosciuti e persone dimenticate, storie di mafia e coraggio...

Palermo, a metà degli anni ’80, è una città abitata dalla violenza, dove l’unico principio ordinante è la legge del sangue di mafia. Dall’estate dell’85, nelle strade cominciano a cadere giusti diventati scomodi, come il poliziotto Ninni Cassarà e il giornalista Mauro Rostagno, vittime ignare come il giovanissimo Gianmatteo Sole, industriali come il presidente del Palermo calcio Roberto Parisi, che coltivava il suo sogno sportivo.

In una città che ride per le battute in tv di Franco e Ciccio, all’ombra dei lavori per il nuovo stadio, altri innocenti si aggiungono alla lista nera: a dare voce a tutti loro è il “cuntaru” per eccellenza, il cantastorie Colapesce. In equilibrio tra favola e inchiesta, Vivi da morire (Bompiani) di Piero Melati e Francesco Vitale racconta di eroi conosciuti e persone dimenticate, storie di mafia e coraggio, di lacrime e della forza di un sorriso, da leggere come un’appassionante ballata civile, che rivela ai genitori e ai figli dell’Italia di oggi come la Sicilia fu l’incubatrice e il laboratorio di tutti i mali di una nazione, e delle sue più grandi speranze.

LEGGI ANCHE:

coppolaramoni-Lasecondavitadeibeniconfiscati

La seconda vita dei beni confiscati alla mafia nel Nord Italia

Colosseo

“Mafia Capitale”, in libreria l’inchiesta di Lirio Abbate e Marco Lillo

Ecco le ultime parole delle vittime di mafia e terrorismo-Falcone e Borsellino

Ecco le ultime parole delle vittime di mafia e terrorismo

Commenti