"Non mi preoccupo di Mondadori, mi preoccupo di Rizzoli-Corriere della Sera, il cui valore è stato distrutto da scelte discutibili". A poche ore dall'atteso Cda di Rcs Libri, la presa di posizione del premier

Intervistato dal settimanale L’Espresso, il presidente del Consiglio Matteo Renzi dice la sua anche sulla possibile acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori (domani, in via Rizzoli è in programma l’atteso Cda).

A differenza del ministro dei Beni e le Attività Culturali Franceschini, che si era detto “molto preoccupato” per l’operazione, il premier non lo è: “Capisco Dario. Ma non sono preoccupato. Il problema di Rcs, vogliamo dirlo?, è un’azienda straordinaria che è stata fortemente indebolita. Non mi preoccupo di Mondadori, mi preoccupo di Rizzoli-Corriere della Sera, il cui valore è stato distrutto da scelte discutibili. Mi dispiace, da italiano, che una grande azienda editoriale sia in difficoltà”.

LEGGI ANCHE:

8 libri per capire Matteo Renzi. E per giudicare il suo primo anno al governo

Commenti